Viaggi e Turismo >> Catanzaro e Dintorni >> Simeri Crichi
 

Simeri Crichi è un comune di 4.546 abitanti della provincia di Catanzaro. Caratteristica di questo paese è quella di essere composto da due distinti agglomerati urbani. Simeri, è il borgo più antico, d’origine medievale: in questa zona sono stati portati alla luce una serie di reperti della prima metà del ferro e del periodo magnogreco. Crichi, invece, fu fondato nella seconda metà del XVIII secolo, pare da un gruppo di contadini di Sellia. Per quanto riguarda Simeri i primi feudatari risultano i Falloc e poi i Ruffo. A loro seguirono i Centelles e poi, nel 1482, i d’Aragona d’Ayerbe che, conti dal 1519, mantennero la titolarità fino al 1580. La baronia, da quest’anno, passò attraverso diverse famiglie. Fu di Casa Borgia, poi dei Ravaschieri di Satriano, dei De Fiore (marchesi dal 1715), dei Barretta Gonzaga (con titolo di duchi dal 1749) ed infine, dei De Nobili di Catanzaro, ultimi feudatari. Danneggiato dal terremoto del 1783, Simeri fu riconosciuto comune con decreto del 4 maggio 1811 e gli furono attribuite le frazioni di Crichi e di Petrizia (quest’ultima gli fu tolta con il riordino amministrativo borbonico del 1816 e attualmente fa parte del comune di Sellia Marina). Con decreto del 16 settembre 1848 il comune fu riunito e la sede municipale spostata a Crichi.


Punti d'interesse:

Ruderi del Convento dei Cappuccini XVI secolo: sono visibili i ruderi di un ex Convento del 1594. Si riconoscono i muri perimetrali e un arco a tutto sesto.
Ruderi del Castello Bizantino X secolo: Si trovava nella parte alta del paese e oggi se ne possono ammirare i ruderi. Era costruito in pietra fluviale e malta.
Resti Chiesa Collegiata: la Chiesa fu costruita tra il 1121 e il 1198. Originariamente aveva tre navate, ma fu fortemente danneggiata dal terremoto del 1704 e successivamente ricostruita con una sola navata. Nel 1905 fu distrutta da un terremoto e attualmente sono visibili alcuni resti quali le mura perimetrali, il portale decorato, parte dell’abside e alcuni fregi.
Chiesa di Santa Maria Assunta: risale al 1925 ed è stata costruita utilizzando una fiancata della Chiesa Collegiata: la chiesa ha una struttura semplice, con tetto a capanna e portale ad arco sormontato da una monofora. All’interno si trova una scultura lignea di San Sebastiano (il Santo patrono di Simeri) e sono, inoltre, custoditi i resti di San Innocenzo Martire. 


Frazioni: Homomorto, Marincoli, Porto d'Orra, Simeri, Roccani, Apostolello.

Patrono: San Nicola di Bari che si festeggia il 6 Dicembre.

Sito istituzionale: www.comune.simericrichi.cz.it

HOME Sportello informagiovani della Provincia di Catanzaro
iGiò Sportello informagiovani della Provincia di Catanzaro
Iscriviti alla Newsletter

Prenotazione online Hotel

Casamundo "La casa vacanza"
 
Orari dei treni

Aeroporto di Lamezia Terme - Catanzaro

Vola Gratis

Edreams.it

Scuola Università Lavoro
Orientamento Scolastico
Elenco Scuole
Progetti e iniziative
Opportunità e bandi
Università in Calabria
Accademie e Conservatori
Borse di studio
Studiare all'estero
Università in Italia
Opportunità e Bandi
Workshop e Iniziative
Imprenditoria giovanile
Concorsi
Formazione
Contratti di lavoro
Opportunità di lavoro
Servizi bancari
Normativa del lavoro
     
     
Viaggi e Turismo Tempo Libero Bacheca
Trasporti
Agenzie di viaggio
Catanzaro e dintorni
Strutture Ricettive
Mangiare in Provincia
Impianti Sportivi
Biblioteche e musei
Cinema e teatro
Focus eventi
Testi scolastici
Testi universitari
Offerte di viaggio
<-- dicembre 2017 -->
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31