Viaggi e Turismo >> Catanzaro e Dintorni >> Stalettì
 

Stalettì è un comune di 2.467 abitanti della provincia di Catanzaro. Situato sul golfo di Squillace, vanta un panorama che abbraccia una visuale che va da Crotone a punta Stilo.Le prime notizie certe su Stalettì risalgono al XVI secolo, anche se forse un nucleo abitativo esisteva già dal Basso Medioevo (XII – XV secolo). L'edificio più rappresentativo è molto antico. Si tratta dell’ABBAZIA DI SAN GREGORIO fondata forse prima del Mille e legata al culto e all'approdo miracoloso delle reliquie del Santo, oggi conservate sotto l'altare del Convento. Fu gravemente danneggiata dal terremoto del 1783 e, dopo lavori di restauro, diventa convento dei Francescani Minori. Oggi è composta da una Chiesa ad unica navata collegata ad un monastero recentemente rifatto.Castrum bizantino di S. Maria del Mare.Intorno al III sec. a.C. si data l'antico tratto di mura difensive messo in luce durante gli scav. Ciò conferma una presenza stabile su un'altura importantissima dal punto di vista strategico per la sua posizione di controllo sul mare. Ad epoca romano-imperiale si datano poi i resti sulla scogliera vicino alla punta di Stalettì. In generale la presenza di popolamento in epoca greca e romana è fortemente documentata nel vicino ed importante sito archeologico di Roccelletta di Borgia. Le attrattive naturalistiche del territorio di Stalettì non si limitano allo splendido mare. La posizione elevata sul maestoso promontorio denominato ‘Coscia di Stalettì’, che si protende nelle acque e la collocazione in un punto di dominio sul Golfo di Squillace, regalano la possibilità di panorami mozzafiato. Il rilievo è caratterizzato da aree boschive e di macchia mediterranea, come da suggestivi pendii dall'aspetto brullo e selvaggio. Per gli amanti del trekking, è possibile seguire antichi sentieri che dal paese conducono al mare e godere di un contatto diretto con una natura tanto emozionante e rigenerante quanto amichevole e rilassante.
L'attuale territorio di Copanello è stata la sede principale dell'esperienza religioso-organizzativa del potente statista ed illustre uomo di cultura FLAVIO MAGNO AURELIO CASSIODORO. Alle pendici dell'antico Mons Moscius si trovavano i possedimenti di una villa degli Aurelii la potente famiglia di Cassiodoro. Dai dati in nostro possesso si può trarre che sul volgere del VI sec., erano già vitali i due rami, montano e marino dei monasteri Vivariense e Castellense, collocati uno sulla costa, l'altro sull'altura. Il Monasterium Vivariense era sorto ai piedi del mons Moscius e deve il suo nome alle vasche-vivaria scavate per l'allevamento ittico nella roccia della scogliera granitica, già possedimento della villa degli Aurelii. Poco distante, la chiesa di San Martino, orientata, con terminazione a triconco, racchiudente il sarcofago ritenuto erroneamente la tomba del fondatore.

Punti d'interesse:

La Chiesa Matrice: dedicata a Santa Maria del Suffragio, che purtroppo oggi è quasi un rudere. Le prime documentazioni risalgono al 1608 ma probabilmente è di origine più antica. La chiesa ha una singolare pianta trapezoidale, gli archi sono in pietra granitica e risultano tutt‟oggi ancora intatti. Affaccia su un quadriportico monumentale in conci di pietra calcarea che doveva costituire l‟accesso principale al borgo già in epoca medievale. Per la sua forma particolare si pensa che costituisse un presidio difensivo del paese.
La Chiesa dell’Immacolata è appartenente al XVIII secolo e ha una configurazione planimetrica rettangolare. Oggi ha uno stato di conservazione mediocre ed è soggetta a ristrutturazione.
La Chiesa del SS. Rosario.risale al XVIII secolo ma è stata rinnovata in termini classicisti nell’Ottocento. In seguito ha subìto un restauro negli anni „70 ed è quasi affiancata alla Chiesa dell’Immacolata.
Palazzo Aracri: oggi sede della Biblioteca Comunale Vivarium, caratterizzata da archi in pietra calcarea e da un bel anfiteatro nella corte posteriore.
Palazzo Silvestri che spicca per la bellezza della corte interna.
Palazzo Fazzari e Palazzo Giordano caratterizzati da importanti portali in pietra granitica.


Frazioni: Caminia, Copanello, Pietragrande, Santa Maria del Mare, Torrazzo.

Patrono: San Gregorio Taumaturgo che si festeggia il 17 Novembre.

Sito istituzionale: www.comune.staletti.cz

HOME Sportello informagiovani della Provincia di Catanzaro
iGiò Sportello informagiovani della Provincia di Catanzaro
Iscriviti alla Newsletter

Prenotazione online Hotel

Casamundo "La casa vacanza"
 
Orari dei treni

Aeroporto di Lamezia Terme - Catanzaro

Vola Gratis

Edreams.it

Scuola Università Lavoro
Orientamento Scolastico
Elenco Scuole
Progetti e iniziative
Opportunità e bandi
Università in Calabria
Accademie e Conservatori
Borse di studio
Studiare all'estero
Università in Italia
Opportunità e Bandi
Workshop e Iniziative
Imprenditoria giovanile
Concorsi
Formazione
Contratti di lavoro
Opportunità di lavoro
Servizi bancari
Normativa del lavoro
     
     
Viaggi e Turismo Tempo Libero Bacheca
Trasporti
Agenzie di viaggio
Catanzaro e dintorni
Strutture Ricettive
Mangiare in Provincia
Impianti Sportivi
Biblioteche e musei
Cinema e teatro
Focus eventi
Testi scolastici
Testi universitari
Offerte di viaggio
<-- dicembre 2017 -->
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31