Viaggi e Turismo >> Catanzaro e Dintorni >> Carlopoli
 

Carlopoli è un comune di 1.623 abitanti della provincia di Catanzaro in Calabria. Fondata, nel XVII secolo, in una zona abitata fin da tempi preistorici, come testimoniano i manufatti litici rinvenuti nei dintorni, fu così chiamata in onore del principe Carlo Cicala di Tiriolo, che concesse alla popolazione varie agevolazioni. Forse nel territorio esisteva già un borgo, di nome Garrapoli, che sarebbe ricordato dal Trecento. La sua storia, in cui mancano avvenimenti di particolare rilievo, non si discosta da quella del circondario, assoggettato, nel corso dei secoli, a diverse dominazioni e gestioni feudali. Gravemente colpita dal terremoto della seconda metà del Settecento, fu elevata a comune nel 1811, con le riforme amministrative attuate dai francesi, e inclusa nel circondario di Serrastretta. Passata dal distretto di Cosenza a quello di Catanzaro, nella seconda metà del XIX secolo assorbì l’allora autonomo comune di Castagna, perdendo poco dopo la località Colla, che venne assegnata a Soverìa Mannelli. Il sisma dell’inizio del Novecento vi causò ulteriori danni.


Punti d'interesse:

L'abbazia di Santa Maria di Corazzo: Le vestigia imponenti di una delle più importanti abbazie del medioevo cristiano in Calabria sono ancora visibili, come adagiate, sulle smeraldine distese dell’alta valle del fiume Corace, in territorio del comune di Carlopoli, a poca distanza dall’abitato di Castagna. L’abbazia fu fondata attorno alla metà dell’ XI secolo in seguito alle politiche filo normanne dei pontefici romani dell’epoca. Il condottiero normanno Roberto il Guiscardo, per ottenere libertà di conquista nell’Italia meridionale, ricambiò i favori del papa esautorando vescovi di rito bizantino, allora preponderante in Calabria, e li sostituì con religiosi fedeli a Roma. Talvolta fondò ex novo abbazie affidandole ai benedettini, veicolo privilegiato della rilatinizzazione del culto: così fu per Corazzo. L’abbazia fu presto rivestita da numerose e ricche donazioni di terre e feudi sia dai sovrani normanni che dai pontefici romani e riuscì in poco tempo ad assurgere ad una condizione di primaria importanza nel panorama religioso dell’epoca. Ma l’importanza di Corazzo si sestese altresì all’ aspetto economico e ad un rilevo politico significativo divenendo centro irradiatore di sviluppo demografico. In effetti l’abbazia sorge al centro di un’ area geografica vastissima perimetrata da una serie di agglomerati urbani che testimoniano ancora l’influsso esercitato dall’abbazia. I benedettini neri abitarono Corazzo per circa novant’anni, poi i monaci coracensi adottarono la riforma cistercense di Bernardo di Chiaravalle. L’importanza di Corazzo ebbe un grandioso sussulto quando nel 1177 ne divenne abate Gioacchino da Celico. Gioacchino visse e operò dentro le mura coracensi per circa dieci anni, prima di andarsene a fondare il cenobio di Fiore diventando fatalmente e meravigliosamente “Gioacchino da Fiore”. Gioacchino a Corazzo visse il suo periodo più intenso per l’estro esegetico e spirituale che lo caratterizzarono e qui elaborò e in parte scrisse le sue tre opere maggiori che ne fecero l’ ineffabile personalità universalmente riconosciuta. Nelle mura di Corazzo dettava in contemporanea a tre amanuensi L’ Introduzione all’Apocalisse, Il Salterio delle dieci corde e La concordia del vecchio e del nuovo testamento. Le ricchezze dell’abbazia in quegli anni si accrebbero notevolmente, ma nei secoli successivi, spesso a causa di guerre e pestilenze, ma soprattutto per le voracità baronali, Corazzo iniziò una parabola discendente. Tale condizione di precarietà divenne tangibile nel 1465, quando fecero la loro triste comparsa le Commende. L’abbazia di Corazzo fu affidata ad un abate commendatario che ne amministrava i beni vivendo lontano e non conoscendo movenze e problematiche dei monaci, lasciando che i signorotti locali facessero i loro comodi con le terre dell’abbazia e con le fatiche dei contadini. Nella seconda metà del XVI secolo però a Corazzo fu arrendatore, cioè appaltatore dei beni nominato dal commendatario, un particolare personaggio: Bernardino Telesio di Cosenza! Attratto e affascinato dalla vetusta e preziosa biblioteca dell’abbazia, Bernardino rimaneva spesso a rimirare la natura dei luoghi leggendo. In questa valle solitaria e dolce forse Telesio vide quell’anima della natura che mirabilmente espresse nella sua opera, in parte qui composta: De rerum natura iuxta propria principia. Un terribile terremoto sconvolse la Calabria nel 1638 e abbattè le mura dell’abbazia . Ricostruita, venne arricchita dall’opera di valenti artisti napoletani. Nel corso del XVIII secolo i Borboni scrissero l’ abbazia di Corazzo nelle liste fiscali di Scigliano spogliandola di molti averi e dando inizio allo smantellamento definitivo. Un altro duro colpo Corazzo subì con il terremoto del 1783: non si rialzò essendo mutato il panorama politico europeo. Fu la legge francese del febbraio 1807 a decretare la fine della vita monacale a Corazzo. Le sue mura dirute, annerite dal tempo e dall’ignoranza amministrativa, svettano ancora ad ammonire chi passa. Sarebbe ora di poterci dire orgogliosi di una storia e di una identità che spesso ci viene espropriata da una politica disattenta e incapace. La struttura dell’abbazia è tipicamente cistercense: al lato nord del chiostro la chiesa a croce latina con torre campanaria, dietro l'altare un coro. Sul lato orientale del chiostro si trovano i ruderi delle camere riservate ai monaci e l'aula capitolare dove i monaci leggevano le sacre scritture. Sul lato occidentale erano i magazzini, i locali per i conversi e la foresteria; al lato sud del chiostro altri locali: cappella dei visitatori, farmacia, refettorio, infermeria; dietro la chiesa stava la camera della sagrestia, al centro era il chiostro quadrato. L'abbazia di Corazzo era situata su tre piani: sul primo vi erano quattro bracci di cinque camere, così pure nel secondo; nel terzo vi erano una loggia coperta e la camera per il padre abate; in fondo la biblioteca, molto vasta, e lo scrittoio. Subì varie ricostruzioni perchè rasa al suolo da terribili terremoti diverse .
Ed inoltre:
- Palazzo Cigala
- Palazzo Sacchi (a Castagna)
- Palazzo Rocca, in piazza Brutto
- Palazzo Bilotti, in via Vittorio Emanuele
- Chiesa dello Spirito Santo
- Chiesa dell'Addolorata (in località Grillo)
- Chiesa del Carmelo

Frazioni:
Castagna

Patrono: Beata Vergine del Carmelo che si festeggia la prima Domenica d' Agosto

Sito istituzionale: http://www.comune.carlopoli.cz.it/

HOME Sportello informagiovani della Provincia di Catanzaro
iGiò Sportello informagiovani della Provincia di Catanzaro
Iscriviti alla Newsletter

Prenotazione online Hotel

Casamundo "La casa vacanza"
 
Orari dei treni

Aeroporto di Lamezia Terme - Catanzaro

Vola Gratis

Edreams.it

Scuola Università Lavoro
Orientamento Scolastico
Elenco Scuole
Progetti e iniziative
Opportunità e bandi
Università in Calabria
Accademie e Conservatori
Borse di studio
Studiare all'estero
Università in Italia
Opportunità e Bandi
Workshop e Iniziative
Imprenditoria giovanile
Concorsi
Formazione
Contratti di lavoro
Opportunità di lavoro
Servizi bancari
Normativa del lavoro
     
     
Viaggi e Turismo Tempo Libero Bacheca
Trasporti
Agenzie di viaggio
Catanzaro e dintorni
Strutture Ricettive
Mangiare in Provincia
Impianti Sportivi
Biblioteche e musei
Cinema e teatro
Focus eventi
Testi scolastici
Testi universitari
Offerte di viaggio
<-- dicembre 2017 -->
Dom Lun Mar Mer Gio Ven Sab
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31